Momento importante per il settore delle Rinnovabili. Di Maio e Costa firmano il Decreto Fer 1 sugli incentivi alla produzione di energia dalle fonti rinnovabili. Dopo aver ottenuto il via libera della Commissione europea, il decreto Fer 1 è stato inviato per la registrazione alla Corte dei Conti prima della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Tra le priorità, gli incentivi agli impianti fotovoltaici in sostituzione di coperture in amianto!

Decreto FER 1

In una nota stampa congiunta il ministro dello Sviluppo e Economico Luigi Di Maio, e quello all’Ambiente, Sergio Costa, hanno annunciato di aver siglato il documento chiudendo dunque, una volta per tutte, il testo.

L’attuazione del DM rinnovabili, affermano i dicasteri, dovrebbe infatti consentire la realizzazione di impianti per una nuova potenza complessiva di circa 8 GW, con un aumento della produzione verde stimata in circa 12 miliardi di kWh

 

Nei giorni scorsi il  Decreto rinnovabili FER1 aveva ricevuto l’ok dalla Commissione europea; subito dopo i tecnici ministeriali avevano messo mano alla bozza per sciogliere gli ultimi nodi, idroelettrico in primis, prima di consegnarlo alla Corte dei Conti. L’attesa ora è tutta concentrata sulla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

 

Le priorità degli incentivi

Con gli incentivi verrà data priorità agli impianti realizzati su discariche chiuse e sui siti di interesse nazionale ai fini della bonifica; alle scuole, ospedali ed altri edifici pubblici per impianti fotovoltaici i cui moduli sono installati in sostituzione di coperture di edifici e fabbricati rurali su cui è operata la completa rimozione dell’eternit o dell’amianto; agli impianti idroelettrici che rispettino le caratteristiche costruttive del DM 23 giugno 2016, quelli alimentati a gas residuati dai processi di depurazione o che prevedono la copertura delle vasche del digestato; agli impianti connessi in ”parallelo” con la rete elettrica e con le colonnine di ricarica delle auto elettriche (a condizione che la potenza di ricarica non sia inferiore al 15% della potenza dell’impianto e che ciascuna colonnina abbia una potenza di almeno 15 kW).

 

Soluzione SunCity a Costo Zero per la sostituzione delle coperture in amianto con installazione di impianti fotovoltaici.

SunCity offre una soluzione all’avanguardia che consente, a costo zero per il cliente, la sostituzione della copertura in amianto dei capannoni industriali. Contattaci per saperne di più!

 

Quali sono le date da ricordare per accedere ai bandi?

Se era stato ipotizzato il 30 novembre 2018 come data di inizio per l’apertura delle dei bandi, le difficoltà a chiudere il testo in questi mesi hanno costretto a spostare il tutto avanti di quasi un anno.

Le date riportate si riferiscono ovviamente sia all’iscrizione ai registri (a cui possono partecipare singoli impianti o aggregati  di potenza complessiva inferiore a 1 MW) e all’apertura delle aste al ribasso (a cui possono partecipare singoli impianti o aggregati  di potenza complessiva sia uguale o superiore a 1 MW).

 

Nr. Procedura Data di apertura del bando
1 30 settembre 2019
2 31 gennaio 2020
3 31 maggio 2020
4 30 settembre 2020
5 31 gennaio 2021
6 31 maggio 2021
7 30 settembre 2021

 

I bandi sono organizzati in quattro gruppi:

A – impianti eolici e fotovoltaici

A2 – impianti fotovoltaici i cui moduli sono installati su tetti in sostituzione di coperture in amianto(valido solo per le iscrizione ai registri e non per le aste)

B – impianti idroelettrici e a gas residuati dei processi di depurazione

C –  impianti eolici o del gruppo B oggetto di rifacimento totale o parziale.

 

 

CONTATTACI PER SCOPRIRE LA SOLUZIONE A COSTO ZERO PER LA SOSTITUZIONE DELLE COPERTURE IN AMIANTO E RELATIVA INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI!

 

Iscriviti alla Newsletter e non perdere il prossimo articolo in cui parleremo di Venera, il nostro Energy Manager virtuale con il quale abbiamo automatizzato un nuovo modo di gestire e monitorare i risparmi e i consumi energetici delle aziende.